Vizi occulti dell’immobile e termine prescrizionale

Categories: NotizieTags: , Author:

Il termine per la denuncia dei difetti di costruzione decorre dalla loro conoscenza e quando questa è avvenuta lo decide il giudice.

La Suprema Corte con sentenza del 17 dicembre 2013, n.28202 riafferma il principio secondo il quale il termine prescrizionale di un anno per la denuncia del vizio di costruzione dell’immobile non coincide con la manifestazione esteriore del danno, bensì con il momento in cui il danneggiato acquisisce un’apprezzabile grado di conoscenza delle cause tecniche, al fine di poter validamente individuare il soggetto responsabile.

Seguendo questo principio, la Corte ha ritenuto tempestiva la denuncia effettuata successivamente ad una CTU, nel corso della quale è stato accertato il vizio, poiché la riconducibilità causale del danno poteva compiersi solo all’esito di approfondite indagini tecniche.

Compete, tuttavia, al giudice del merito, chiamato ad esprimersi sulla tempestività della domanda, valutare se la conoscenza dei vizi e della loro consistenza fosse tale da consentire una loro consapevole denuncia da parte del danneggiato, pur senza il supporto del parere di un perito e quindi anche precedentemente alla consulenza d’ufficio.

Fonte [Abitanti Online]

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *